Sei qui: HomeNews ed EventiPolitica pettoraneseTorna a riunirsi il Consiglio comunale

10-11-2006 - Cronaca dal Consiglio Comunale

stemma_2
Giovedì 9 novembre si è tenuto il Consiglio Comunale. Convocata alle 20,30 l'assemblea -alla quale non hanno partecipato Pasquale Franciosa, Emilia Federico e Amergo Volpe per la maggioranza e Lidia Orsini per il gruppo di opposizione, ha iniziato i lavori alle 21,00. Un unico punto all'ordine del giorno: l'adozione della variante al piano particolareggiato sulla zona artigianale realizzato dall'ingegner Pitassi, presente nella sala consiliare.

L'area artigianale, prevista dal Piano regolatore attualmente in vigore, è stata localizzata lungo la Statale 17, nei pressi di Sulmona, e recentemente vi sono state realizzate opere di urbanizzazione (strada, impianto di illuminazione, sistema idrico e fognario). In questa occasione ci si è resi conto che non era possibile realizzare, a causa della morfologia del terreno, quanto era stato previsto nel piano particolareggiate e per questo si è resa necessaria la variante.

A titolo di cronaca ricordiamo che la il precedente Piano particolareggiato prevedeva la possibilità per quanti avessero acquistato dei lotti di terreno in quell'area per edificarvi capannoni destinati ad attività produttive, di realizzarvi anche una abitazione di 150 metri quadri. In sostanza, quella che era stata pensata come un'area per insediamenti produttivi sarebbe stata presto trasformata in una zona residenziale, con due sostanziali conseguenze. La prima è che si sarebbe consentito a poche persone di realizzare una abitazione pagando il terreno ad un prezzo incredibilmente più basso di quello di mercato; la seconda è che la prevalente destinazione residenziale che quell'area avrebbe assunto -anche per una solo abitazione realizzata- avrebbe presto impedito o quanto meno reso difficile, lo svolgimento di attività produttive.

Dopo aver avanzato due richieste di modifica del piano particolareggiato in sede di riunione dei capigruppo, nel corso del Consiglio Comunale il gruppo di minoranza ha ribadito le proposte di ridimensionare i limiti finalizzati alla costruzione dell'abitazione ed aumentare invece la superficie per i lotti maggiormente penalizzati dalla conformazione del terreno.

La proposta è stata accetta e votata all'unanimità dai presenti i quali hanno deciso che la superficie edificabile al servizio dell'insediamento produttivo non potrà essere superiore a 40 metri quadrati.

Si è evitato così che la zona identificata come artigianale diventasse residenziale ma un dubbio ancora ci rimane: considerata la grave crisi occupazionale e produttiva della Valle Peligna che senso ha un'area artigianale in territorio di Pettorano localizzata per altro a due chilometri dalle decine di capannoni chiusi nel Nucleo Industriale di Sulmona?

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Sostienici con PayPal

Sostieni con una donazione l'Associazione Pietro de Stephanis. Per diventare soci la donazione minima è di 20,00 euro.

Amount: 

Vai all'inizio della pagina