Sei qui: HomePettorano sul GizioPettorano nel MondoNews dai pettoranesi nel mondoLa moglie di un pettoranese eletta sindaco di West Lincoln

Le poesie di Antonio Leone

DAL CANADA
MARZO 2001


Di seguito pubblichiamo volentieri alcune poesie di Antonio Leone, emigrato da Pettorano in Canada nel 1950 e mai tornato in Italia. Con l'occasione invitiamo nuovamente tutti i pettoranesi all'estero a inviarci tutto quello che ritengono utile condividere con i pettoranesi nel mondo attraverso il sito dell'Associazione "De Stephanis".

Poesia di un emigrante che lascia il suo paese nativo


Aveva compiute appena vent'un anne
Quando lascette papá e mamma

Piiette la curriera alla cencia
Dove m'accumpagnese tanta gente,
Mentre gereva le vutate de iu cavaie
Pettrane me resteva chiu luntane

Alla piana de Mallevone
Vecine iu ponte de sia metre
Se nascunnese arrete alle prete

Arrevese sopra le cese delle piche,
I piagneva arrete alle vrite
Allora me venne a mente
E sta poesia screvette tristemente

Addia care Pettrane
Che me vedeste nasce
Quant'é dolce luntane
Iu nome tia

Iu recorde amare fu jabbandone
Nen suale de ti
Ma de tante persone

Pettrane i t'adore veramente
E sempre dentre iu cuore
I te tenghe

Antonio D. Leone

Pettorano Sul Gizio, 18 Marzo 1950


La Notte De Capedanne


Sotte qui ciale stellate senza fine
se sentevane canzone da luntane
saluteveane ianne viecchie che se ne ieva
e ianne nuave che veneva piane, piane.

Viecchie, giovane e ueiune
aspettavene la mezzanotte
pe augurarse iu Buncapedanne
e la bona sorte.

Silvie Setta che iu cungertine
canteva e suneva pe tutte le vie.
Zi Menche che iacciarine e iorganette
gente pe senteie s'affaceva alla fenestre

Meliotte che iazzebande e iu trumbone
e Zia Purzielle che canteva la canzone
che a tutte rallegreva
fine alla matina mendre iu fume sceva

Ancora da iu camine, eva qui de la ciocca
che ardeva tutta la notte.
Chell'eva na tradizione che se metteva
aiu camine pe chella occasione

Mo so tante enne che stenche luntane
forse chelle tradezione so fenite
ma dendre de me sempre remane
iu capedanne de Pettrane

Antonio D. Leone

Addi ` Dicembre 2000

Ju Meise de Nuviembre


Le fronne se ne cascane dalle piante,
chi remane vicine
e chi.....ju viente
le porta luntane

Che trestezza quande uarde fore
alla fenestre
C'enne tenute cumpagnia tante tiempe,
e' arrevete l'ora, e le perdeme

La neve le recopre che ju mante bianche,
sperenne che a Primavera
le revedemme germugliá
n'gima alle piante

Ma queste meise é veramente triste,
ce recorda de tante care persone
che c'enne lassate, e nel regno di Dio
s'enne addummentate

Prejemme e speremme che nu jorre
reunite n'chce loro se retruemme
Ma pe mo' magnemme e bevemme,
pensenne alla salute, e bene vulemme

Antonio Leone

Addi' Novembre 1994

Iu Paese Mia


Iu paese addo' so nate
Circundate da tante mentagne cusci' belle,
Pure ca stenche luntane
I penze sempre a chelle

La via della Piaia addo' i so nate
C'e' la Chiesa della Madonna della Libera
Dove so state battezzate

La Piazza di San Nicole
che tante piante de teje
Mannane nu profume
ch'é na meravije

La Valle de Frevana
che ce sta la Protettrice,
É la Beata Santa Margherita

L'acqua pura della sorgente
non sole disseta
I Perttrenisce
ma tant'altra gente

E chi pe curiosita'
la va ad ammira'
Da chelle bellezza naturale
Nen se ne vole anda'

E cusci' a tutte i Pettrenisce
che luntane stemme,
Recurdemmese de Pettrane,
E vulemmece bene sempre

Antonio Leone

Il Paese E La Mia Patria


Ti ho amato tanto e t'amo ancora
il tuo nome é dentro il mio cuore
Con tante sofferenze e tradimenti.......
Quanto piu vecchio mi faccio piu ti penso

Pettrane.....................

Vorrei ritornare alla mia infanzia
per rivivere nei boschi e nella campagna
dove la gente amava con rispetto,
e non vorrei crecere piu con tanta fretta

Vorrei essere di nuovo un bambino
avere un vecchio a me vicino
per sporgegli la mia mano
e fargli attraversare la strada piano, piano.

Nulla nella mia vita io rimpiango
solo quando lasciai a te paese mio caro,
le mie parole non possono esprimere
il mio risentimento.........

Solo un sogno,
un sorriso..............
un abbraccio a tutti caramente.

Antonio Domenico Leone
Addi' Ottobre 1996

Commenti   

 
0 # google plus apps 2015-02-27 04:05
Touche. Solid arguments. Keep up the great spirit.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Sostienici con PayPal

Sostieni con una donazione l'Associazione Pietro de Stephanis. Per diventare soci la donazione minima è di 20,00 euro.

Amount: 

Vai all'inizio della pagina