Sei qui: HomePettorano sul GizioPettorano nel MondoNews dai pettoranesi nel mondoLa moglie di un pettoranese eletta sindaco di West Lincoln

La storia di un pettoranese: dalla guerra al sogno canadese

thumb_sebastiano-santucciSebastiano “Sam” Santucci (foto) è un pettoranese emigrato nel 1958 in Canada. Giunto ad Hamilton, la città dell’Ontario verso la quale si erano già diretti centinaia di pettoranesi, Sebastiano continua gli studi specializzandosi in tecnica delle costruzioni e ingegneria civile. Nel corso della sua lunga carriera ha collaborato con ruoli di responsabilità alla costruzione di numerose e importanti opere pubbliche. Successivamente si trasferì a Toronto dove ha lavorato per il Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni, quindi, nel 1964, a Saltfleet e nel 1965 a Oakville dove è stato impiegato presso il comune e coinvolto in tutti i grandi progetti edilizi della città fino al 1999 quando è andato in pensione.

 

In tutti questi anni Sam non ha mai dimenticato le proprie origini, tornando spesso a Pettorano e mantenendosi costantemente in contatto con gli amici rimasti in paese. Ed è proprio il forte legame con la propria storia e le proprie origini che ha spinto oggi Sebastiano a pubblicare un libro dove, sul filo dei ricordi, ricostruisce la sua esperienza migratoria ricordando le cause che la determinarono. Il racconto di Sebastiano inizia con i giorni drammatici dello “sfollamento”, l’evacuazione di centinaia di pettoranesi dal paese occupato dai tedeschi, per proseguire e concludersi con la realizzazione del suo “sogno canadese”.

front-cover-final“My Wartime Italian Roots and My Canadian Dream”, questo è il titolo del libro di Santucci, non è tuttavia solo un bel libro autobiografico. La storia raccontata da Sebastiano è la storia di migliaia di pettoranesi e per questo si qualifica come testimonianza di una intera comunità che, a partire dall’immediato dopoguerra e fino agli inizi degli anni ’70 del secolo scorso, ha pagato un prezzo carissimo per conquistare una vita dignitosa altrove.

“My Wartime Italian Roots and My Canadian Dream” (368 pagine, XLibris, $19,99, in vendita on line) è in inglese perché, come dichiara l’autore, è rivolto soprattutto ai figli e ai nipoti dei pettoranesi emigrati che non conoscono l’italiano, perché siano consapevoli di quanto profonde e forti siano le loro radici.

Commenti   

 
+11 # Sam Santucci 2010-10-05 16:57
Hi there, amici Italiani, Americani e Canadesi. Il mio nome e' Sebastiano Santucci, nato a Pettorano.Perch e', nessuno dei nostri personaggi vissuti durante la guerra ci ha lasciato memorie di quei tempi, ho cercato nel mio libro, anche se avevo solo cinque anni e mezzo, di ricostruire i fatti ai quali voi di sicuro siete molti interessati. Il libro e' in Englese e si puo' richiedere da Xlibris tel.888-795-427 4 ext.7879
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+9 # Sam Santucci 2010-10-06 04:24
In November 1943, when action up the Peligna Valley was thought to be imminent, the Germans asked the residents of Pettorano to leave town by reporting to a common place somewhere in town to be taken by train or trucks somewhere in Italy. Most of the residents of Pettorano, outsmarted the Germans,and during the dark of night and in the rain, took refuge in the nearby nountains. The night of New Year's eve, the area received over a meter of snow, forcing all the Pettoranesi to go back to the town they were forced to abandon only five weeks earlier. New year's day 1944,marked the beginning of all sorts of problems for the citizens of Pettorano. The Germans left the area in June of that year, leaving behind total devastation of the economy and of the infrastructure. All the bridges and some roads in strategic locations had been blown to pieces. One of the stregic location was in front of the Di Fonzo home.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+7 # Sam Santucci 2010-10-06 11:48
The web-site that the publishers have set up for me is: www.SebastianASantucci.com
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # Simon Tam 2010-10-08 17:36
Congratulations on publishing your book, Sam.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # Giovanna D\Angelo 2010-10-08 18:02
Congraulations on the publishing of your new book Sam. Much success with it. I plan to get a copy from you...FMXoy
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+7 # Daniele Cozzi 2010-10-08 19:58
I have visited Pettorano twice in the last 3-years, as a result of the countless stories/memorie s Sebastiano has told me over the years. I did not feel like a stranger there because I knew so much about the town. I want to thank Sebastiano for telling me all those intersting stories over the years. Now his stories will be a permanent record as a result of his book. Congratulations Sam - you have always been an inspiration to me in more ways than you will ever know.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+9 # Antonio Carrara 2010-10-09 12:10
Mi complimento con Sam. Dopo Adriana Crugnale, un altro pettoranese racconta la sua esperienza dell'emigrazion e in Canada. Sono curioso di leggerlo, anche se per me 368 pagine in inglese sono una fatica non da poco (una versione in italiano non te la possiamo chiedere?). In ogni caso la scelta della lingua inglese per rivolgerlo ai più giovani che non conoscono l'italiano mi pare azzeccata.
Ancora complimenti a Sam. Appena torni lo presentiamo a Pettorano?
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # Sam Santucci 2010-10-09 16:02
Ciao Antonio, Grazie per i Complimenti. Come tu sai,sono oltre cinquant'anni che non pratico piu' l'Italiano. Comunque, con un po di aiuto e' possibile tradurre il libro in Italiano. E chi, se non tu e Marcello potrebbe aiutarmi? Quando io vi scrivo in Inglese mi sembra che voi due non avete problemi a capirmi. Il prossimo anno quando torno, God willing and I able,ci metteremo al tavolino per una settimana or whatever time we need e tradurremo tutte le 368 pagine in Italiano. Non appena recevo le mie copie, non manchero' spedire una a te e una a Marcello cosi vi sara' possibile cominciare l'opera di traduzione. Adesso il libro si puo' ottenere attraverso EBook. Thank you again and good luck.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+6 # Sam Santucci 2010-10-10 02:35
Those that may need more info about the book, can do so by writing to me directly at:
Gli amici, ai quali servirebbero piu' informazioni circa il libro, possono ottenerle scrivendo a me direttamente a:
Thank you.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # alessandra 2010-10-12 21:46
Complimenti Sam!!!
che bella sorpresa...
ciao Bambina a presto
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # sam santucci 2010-10-12 22:36
Grazie Bambina, Alessandra e' tua figlia di sicuro. Continua a scrivere, la mia e-mail si trova sapra al tuo messaggio. Again, Thank you e saluti a Roberto.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # BENORS 2010-10-13 17:11
da Nine de Zi Gennare a Bastiane de la cauzettara,
'mà stè?
Beate a ti ke sci state a Pettrane pure stestate.
I steng a TORINO, ne ceso putute ì, mannaggia sanzone.
E sordame MARIA e sordame LIDIA me stenne a decere ca mo fa fredde e ce sta la nebbia: LA NEBBIA A PETTRANE !!!
Bastiò, responneme.
Pe 'mò t'abbracce, NINE
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+4 # Sam Santucci 2010-10-13 20:13
Care Nine de Gennare, so cusci cuntient Ka me sci scritte. Nen t'aveva sentite da parecchie tiempe. Ogni vota che vaie a Pettrane diche sempre a Maria a do cazz sta' Nine, ma tu nen te fe vedei mai. Come tu sci viste, i so scritte nu lbbre de la guerra e de iu Canada, Wanne che be , i revai a Pettrane a presenta' stu lbbr, rivia pure tu cusci fecemme na bella festa.Damme iu ndirezz de Torino cusci te ne mann na copia. Tu vuei bene, Bastiane de Carmena la cauzettara. Dammi il tuo indirizzo e-mail.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+4 # Sam Santucci 2010-10-17 08:25
Care Bastiane ,hai leggiute che janne che vene se Dia vole, revìa a Pettrane a presentà jù lebre. So cuntiente.Pure jì a Lujie presente a Roccarase alla manefestazione de'jù 18° Premio Filomena Carrara l'8° libre.Te'nvite già da mò a venì.Spere che cè'ste. Riciave nà surpresa.T'abbr acce Nine
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+3 # sam Santucci 2010-10-17 16:05
Caro Nino, a dir la verita', non ancora avevo deciso in che mese tornare il prossimo anno. Specialmente per il fatto che in Italia fa' cosi caldo a Luglio e Agosto. Adesso che mi hai dato il motivo, faro' del tutto per trovarmi li in quel giorno. Always God willing and I able. Ti ringrazio e ti saluto, Bastiane de la cauzettara. Speriame che revene pure Nine de Gennare.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+7 # Sam Santucci 2010-10-18 02:46
Come vedo, a qualche idiota non piace il messaggio di Nino. Il mio indirizzo e' posto 7 messaggi prima di questo. Se questo signore o signora ha qualche cosa da dire, per favore scrivetemi. Senza dubbio, avrete' una risposta immediata e appropriatA. Io non ho mai avuto problemi con parole. I am waiting,YSF.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # Sam Santucci 2010-10-18 19:10
Sebastiano ! cosa non è piaciuto del mio messaggio? Sappi che gli stronzi abbondano ovunque. Non ti curar di loro. ciao Nino
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+7 # SAM SANTUCCI 2010-10-19 14:57
Ciao Nino, Io so' chi e' questa persona, non e' che mi conosce troppa gente a Pettorano. Ho ridotto il numero a tre, poi ti dico chi potrebbe essere. A presto, Bastiane.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+12 # Bruno Crugnale 2010-10-22 16:11
Sebastiano carissimo,avrei voluto commentare in dialetto pettoranese come hanno fatto " Nine di zi Gennare" che poi e' anche un mio stretto parente e che non vedo da oltre 40 anni e da Carrara ma ho preferito non "abbruttire" questo nostro pur bel dialetto con il quale siamo cresciuti e che personalmente uso quando sono tra paesani.La pubblicazione del tuo libro "My Wartime Italian Roots and my Canadian Dream" mi ha riempito di gioia e "gonfiato" di orgoglio in quanto solo a pochi eletti,e tu sei uno di essi,e' data la soddisfazione di fare dei propri ricordi e delle proprie azioni un qualcosa che aiutera' i nostri figli,nipoti etc a rendersi conto di cio' che i loro padri hanno affrontato per dar loro un migliore avvenire.Sebast iano,ti saro' eternamente grato in quanto nel tuo libro non hai mai dimenticato le tue radici, radici che mantengono accesa, in tutti noi emigranti,quell a fiaccola di italianita' che nel corso del tempo ci ha reso piu' forti,piu' sicuri,piu' umani e piu' completi.
Ad Maiora.
Tuo amico Bruno Crugnale
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+5 # Gino Federico Medford Mass, 2010-10-22 23:22
Ciao Sam,auguri per il tuo libro,io vivo a Medford vicino a Boston,vengo da Vallelarga,noi a Boston abbiamo il Club Gizio,se verrai a Boston saremo felici di conoscerti,sara i ospite al nostro club.Ti saluto,ciao a presto Gino.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+3 # Sam Santucci 2010-10-25 00:12
Caro Gino, grazie per gli augury. Mi fa' tanto piacere sentire che a Medford ancora mantenete vivo l'amore per il nostro paese. Anche noi qui in Hamilton, sebbene io viva in Oakville, abbiamo il club Gizio. Mi piacerebe Tanto venirvi a trovare, conoscervi e parlare del libro e il motivo che mi ha spinto a scriverlo. Non e' un impossibilita' comunque,infatt i Io ho parenti A New York e fino a pochi anni fa' venivo almeno una volta l'anno. Se ho l'opportunita' non manchero' di venive a trovare. Nello stesso tempo se leggete il mio libro avrete l'opportunita di conoscermi in carattere prima che in carne e ossa. Se avete gia' richiesto il mio libro, vi ringrazio. Per il momento non e' in vendita. Tornera' sul mer cato non appena le rettificazioni sono state effettuate. Troverete il libro molto interessante.Di nuovo grazie e a presto. Sam.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+4 # lino marini 2010-10-25 01:05
Sam
Reading your book brought back so many bittersweet memories. Thank you so much
for putting it all in words and rekindling
the days of yore.
I'm hoping a movie of your book is in the
works. Perhaps starring Al Pucino or
even Robert DeNiro as Sam.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+4 # sam santucci 2010-10-25 15:12
Iam glad you enjoyed reading the book. The intent was in fact to tell a story so that our children and grandchildren might know what their parents and grandparents went through during those terrible days of the war. Wouldn't that be nice to have a movie made from it? Oh yes, in the movie I will be Al Pacino. My book has been sent to 10,000,000 people all over North America. Who knows, may be someone likes my story and do just that. Somehow, I doubt it. I will see you and Florence next summer in Pettorano se Dio vuole. Until then, thank you and stay healthy.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
0 # Dan Cozzi 2010-11-11 02:21
Sam - I finished reading your book the other day. It was absolutely fantastic, especially the parts about your memories as a child during WW2, growing up in the town after the War, and your first few years in Canada after leaving Pettorano.

I found that I could not stop reading it after I started - it was very interesting, entertaining and compelling.

It was not easy to write such a record of your experiences - you accomplished a tremendous thing. People now have the opportunity to experience your memories first hand - and your stories will live forevor? Auguri Bastiano!
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+2 # Marco Oddi 2010-11-14 02:32
Sam. Auguri per il libro, non appena e' pronto portami una copia.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 
 
+8 # sam santucci 2010-11-14 23:13
Non solo sono stronzi, ma sono pure vigliacchi and (XXXXXXX). Certo che non mi preoccupo Nino, chi diveva: guarda e passa e non di curar di loro. Sono oltre 50anni che non la (XXXXXXX) questa gente.Qualc'uno gli ha insegnati ad operare un computer, ma non sanno ancora leggere e scrivere. funny.
Rispondi | Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Sostienici con PayPal

Sostieni con una donazione l'Associazione Pietro de Stephanis. Per diventare soci la donazione minima è di 20,00 euro.

Amount: 

Vai all'inizio della pagina